IRCCS Ospedale Oncologico di Bari IRCCS Ospedale Oncologico di Bari IRCCS Ospedale Oncologico di Bari Ospedale Donna
Tel: +39 080 5555111
                        sito Inglese
   
Servizi per il Pubblico
 
Nuovo Sito
 
 
 
Gare
 
Comunicazioni
 
 
Ricerca Scientifica
 
 

Direttore Dott.Cosmo Damiano GADALETA
tel + 390805555323 (medicheria) e-mail c.gadaleta@infinito.it c.gadaleta@oncologico.bari.it
La Radiologia Interventistica occupa attualmente un ruolo rilevante nella pratica clinica e costituisce, in molte patologie di natura tumorale e non tumorale, una valida alternativa al trattamento chirurgico tradizionale e un'efficace integrazione nei protocolli multidisciplinari di terapia dei tumori.

Il team medico dell'U.O.C. di Radiologia Interventistica è arricchito da competenze di profilo oncologico medico ed anestesiologico, in modo da garantire la massima sicurezza nella assistenza del malato, sia in condizioni cliniche ordinarie che di emergenza.

L'U.O.C. e' dotata di 14 posti letto per la degenza ordinaria, destinati a pazienti per interventi di secondo livello, e di 4 posti letto per il Day Hospital, destinati al ricovero breve per prestazioni di primo livello.

L'equipe dell'U.O.C. di Radiologia Interventistica è anche un consolidato gruppo di ricerca scientifica dell’Istituto, con lo sviluppo di studi sperimentali sulla termoablazione mediante radiofrequenza di tumori polmonari in sinergia con la perfusione antiblastica segmentaria polmonare: “double track therapy”; la radiofrequenza epatica in sinergia con la chemioembolizzazione, entrambe effettuate in un'unica seduta operatoria: “single step therapy”; lo stop-flow o “bagno epatico” nei tumori metastatici del fegato; stop flow di arto con ipertermia nella terapia dei melanomi; l’embolizzazione portale propedeutica alle epatectomie maggiori; la vertebroplastica e la cifoplastica per il recupero statico scheletrico e per la soppressione del dolore incoercibile; lo studio dei fattori biologici coinvolti nell'angiogenesi tumorale. Si praticano altresì: l’impianto percutaneo sotto guida integrata eco-fluoroscopica di endoprotesi biliari negli itteri ostruttivi e di shunt porta-cava negli ipertesi portali; l’impianto di endoprotesi vascolari dopo angioplastica nelle stenosi arteriose, la correzione di aneurismi e malformazioni artero-venose toraciche e addominali; la terapia trans-vaginale delle displasie cistiche dell’ovaio e trans-cutanea delle forme colloidi e adenomatose tiroidee; drenaggi percutanei di raccolte ascessuali toraciche e addomino-pelviche sotto guida ecografica e di pneumotorace sotto guida TC; nefro-pielostomie percutanee; impianti di port-a-cath arteriosi epatici e venosi sistemici per cronoterapie con pompe infusionali programmabili. Vengono inoltre effettuati ricoveri con finalità diagnostiche quali campionamenti bioptici di noduli in vari organi e distretti anatomici e ricoveri con finalità terapeutiche di tumori primitivi e secondari epatici in stadio intermedio e avanzato, utilizzando isotopi radioattivi: “radioterapia interna” o radio-embolizzazione. Infine, viene somministrata in tutte le forme tumorali, superficiali e profonde, l’ipertermia esterna non invasiva, di tipo induttivo-capacitivo, per potenziare gli effetti terapeutici della chemioterapia sistemica e della radioterapia esterna.

U.O.C. RADIOLOGIA INTERVENTISTICA 3 PIANO


Direttore Dott.Cosmo Damiano GADALETA
tel + 390805555910) e-mail
c.gadaleta@infinito.it -- c.gadaleta@oncologico.bari.it


La Radiologia Interventistica occupa attualmente un ruolo rilevante nella pratica clinica e costituisce, in molte patologie di natura tumorale e non tumorale, una valida alternativa al trattamento chirurgico tradizionale e un'efficace integrazione nei protocolli multidisciplinari di terapia dei tumori.

Il team medico dell'U.O.C. di Radiologia Interventistica è arricchito da competenze di profilo oncologico medico ed anestesiologico, in modo da garantire la massima sicurezza nella assistenza del malato, sia in condizioni cliniche ordinarie che di emergenza.

L'U.O.C. e' dotata di 14 posti letto per la degenza ordinaria, destinati a pazienti per interventi di secondo livello e di 4 posti letto per il Day Hospital, destinati al ricovero breve per prestazioni di primo livello.

L'equipe dell'U.O.C. di Radiologia Interventistica è anche un consolidato gruppo di ricerca scientifica dell’Istituto, con lo sviluppo di studi sperimentali sulla termoablazione mediante radiofrequenza di tumori polmonari in sinergia con la perfusione antiblastica segmentaria polmonare: “double track therapy”; la radiofrequenza epatica in sinergia con la chemioembolizzazione, entrambe effettuate in un'unica seduta operatoria: “single step therapy”; lo stop-flow o “bagno epatico” nei tumori metastatici del fegato; stop flow di arto con ipertermia nella terapia dei melanomi; l’embolizzazione portale propedeutica alle epatectomie maggiori; la vertebroplastica e la cifoplastica per il recupero statico scheletrico e per la soppressione del dolore incoercibile; lo studio dei fattori biologici coinvolti nell'angiogenesi tumorale. Si praticano altresì: l’impianto percutaneo sotto guida integrata eco-fluoroscopica di endoprotesi biliari negli itteri ostruttivi e di shunt porta-cava negli ipertesi portali; l’impianto di endoprotesi vascolari dopo angioplastica nelle stenosi arteriose, la correzione di aneurismi e malformazioni artero-venose toraciche e addominali; la terapia trans-vaginale delle displasie cistiche dell’ovaio e trans-cutanea delle forme colloidi e adenomatose tiroidee; drenaggi percutanei di raccolte ascessuali toraciche e addomino-pelviche sotto guida ecografica e di pneumotorace sotto guida TC; nefro-pielostomie percutanee; impianti di port-a-cath arteriosi epatici e venosi sistemici per cronoterapie con pompe infusionali programmabili. Vengono inoltre effettuati ricoveri con finalità diagnostiche quali campionamenti bioptici di noduli in vari organi e distretti anatomici e ricoveri con finalità terapeutiche di tumori primitivi e secondari epatici in stadio intermedio e avanzato, utilizzando isotopi radioattivi: “radioterapia interna” o radio-embolizzazione. Ancora, viene somministrata nelle forme tumorali sensibili, superficiali e profonde, l’ipertermia esterna non invasiva, di tipo induttivo-capacitivo, per potenziare gli effetti terapeutici della chemioterapia sistemica e della radioterapia esterna. Infine, l’equipe di ricercatori ha brevettato un sistema elettronico di puntamento sotto guida TAC per il centraggio di lesioni nodulari polmonari elette per la termoablazione, sistema detto SIRIO, in fase di avanzato perfezionamento.

MEDICI DIRIGENTI

TELEFONO

e-mail



Dott. G. Ranieri

+39 080/5555561

g.ranieri@oncologico.bari.it

Dott. V. Fazio

+39 080/5555562-

v.fazio@oncologico.bari.it

Dott. G. Gadaleta-Caldarola

+39 080/5555561

gergad@libero.it

Dott. G. Vinciarelli

+39 080/5555562

g.vinciarelli@oncologico.bari.it




Coordinatore infermieristico f.f.

+39 080/5555567



Infermeria

+ 39 080/5555550


TSRM

+39 080/5555564

g.laricchia@oncologico.bari.it

MODALITA’ DI PRENOTAZIONE:

Diretta in reparto tel: 080/55 55 567

Attraverso il CUP tel: 080/5555348


    TIPO DI PRESTAZIONE

  • Visita oncologica e strumentale propedeutica alle procedure di radiologia interventistica

  • Visita oncologica e strumentale di rivalutazione successiva alle procedure di radiologia interventistica

  • Ecografia esplorativa propedeutica alle procedure di radiologia interventistica

  • Ecografia addome superiore ed inferiore con mezzo di contrasto

  • Eco-endoscopia digestiva(tratto superiore ed inferiore)

  • Ipertermia esterna (non invasiva) capacitiva

  • Alcolizzazione piccole neoplasie benigne e maligne

  • Alcolizzazione displasie cistiche

  • Visita e biopsia guidata con tecniche radiologiche(ecografia, TC, fluoro-TC, endoscopico-digestiva) del tipo:

pancreatica

epatica

renale

prostatica - Dal lunedì al venerdì

polmonare

ossea

neoformazione addominale

neoformazione pelvica

tiroidea

linfonodale

dei tessuti molli

  • nefro-cutaneo-stomia

  • drenaggio biliare esterno, interno-esterno, interno (stent)

  • drenaggio di formazioni cistiche profonde

  • drenaggio di raccolte liquide ascessuali

  • impianto totale di dispositivo port-a-cath venoso femorale/succlavio

  • impianto totale di dispositivo port-a-cath arterioso epatico

  • chemioembolizzazione epatica

  • bagno epatico (perfusione chemioterapia epatica in ipossia)

  • termoablazione mediante radiofrequenza di neoplasia epatica primitiva o secondaria

  • termoablazione mediante micro-onde di neoplasia epatica primitiva

  • termoablazione mediante radiofrequenza di neoplasia polmonare primitiva o secondaria

  • termoablazione mediante micro-onde di neoplasia polmonare primitiva o secondaria

  • stop-flow d’arto (per fusione chemioterapia)

  • stop-flow pelvico (perfusione chemioterapica)

  • embolizzazione portale con guida radiologica

  • impianto di stent vascolare arterioso e venoso

  • radio-embolizzazione epatica

  • perfusione chemioterapica segmentaria polmonare

  • vertebroplastica

  • cifoplastica

  • drenaggi e sclerosi di cisti epatiche, renali, spleniche

  • macro biopsie epatiche, prostatiche renali

  • TIPS (shunt porto-sistemico trans giugulare per cutaneo)

  • Per fusione chemioterapia panpolmonare monolaterale

  • Dialisi di fegato

Francesco Pacoda - IRCCS Bari